Talvolta i fiumi straripano

I disturbi dell’apprendimento tra emozioni, accettazione, scuola e burocrazia.

Mercoledì 23 gennaio 2019 ore 20.30
presso il Centro Culturale Marano sul Panaro (MO)

Nell’ambito del progetto “Stelle sulla terra 2018-2019” SCUOLA DEI GENITORI presentazione di: “Talvolta i fiumi straripano” – Incontro con l’autore Fabio Celi, psicologo, psicoterapeuta ASL Toscana nord-ovest, Università di Parma e Pisa.

Conduce la serata Giulietta Bernabei di ACE.

Leggi tutto…Talvolta i fiumi straripano

Carlotta Jesi presenta: I MIEI BAMBINI HANNO I SUPERPOTERI

I MIEI BAMBINI HANNO I SUPERPOTERI COVER

Mercoledì 31 maggio 2017 ore 20:30 Rocca di Vignola – Sala dei Grassoni – Vignola MO

Carlotta Jesi presenta:
I MIEI BAMBINI HANNO I SUPERPOTERI
Storia della nostra dislessia
Sperling & Kupfer Editore

Dialoga con l’autrice Giulietta Bernabei tutor dell’apprendimento e formatrice di ACE

I miei bambini hanno i superpoteri è un libro che dovrebbero leggere tutti i genitori, un libro sulla dislessia che diventa – nel sottotitolo – “nostra”, cioè di tutta la famiglia. Quello che troverete nelle pagine scritte da Carlotta Jesi è proprio il racconto di come la famiglia cambia e prova a comprendere profondamente le esigenze di due bambini, trasformando la loro diversità in una forza che fa bene a tutti. Con qualche difficoltà, certo, ma anche con tanti sorrisi e molta soddisfazione.

«’Scrivi meglio’ è il messaggio che la maestra continua a ripetere su ogni compito. Ma mio figlio non lo fa apposta…

Il bambino al centro: note per un dialogo efficace tra genitori

Mercoledì dalle ore 20:30 alle ore 23:00 presso la Scuola Media L. A. Muratori  Via Resistenza 462, 41058 Vignola

A cura di Barbara Messori, pedagogista clinico

Introduce Michela Vandelli, esperta di strumenti informatici

ACE, Associazione Comunità Educante, ormai da anni si fa promotrice di formazione e informazione sulle tematiche inerenti le difficoltà dell’apprendimento, allo scopo che Scuola, la Famiglia ed altri Specialisti del campo possano fare al massimo”squadra” o come si dice ora “rete”, nell’ottica di facilitare il successo personale e formativo di ogni ragazzo. Scopo che la Scuola che ci ospita condivide e sostiene.